Lo sguardo vagabondo controlla il gioco con la futuristica tecnologia di eye-tracking di Sony - Gioco - 2019

The Storyteller: FALLOUT S4 E9 - The Synth (Giugno 2019).

Anonim

Mentre Sony è riuscita a guadagnare più di qualche esclamazione impressa dalla stampa, dai fan e dai membri della comunità dei videogiochi con il suo nuovo codice auricolare per realtà virtuale denominato "Progetto Morpheus", uno dei suoi pezzi più incredibili è rimasto inosservato in una stanza sul retro e non aveva nulla a che fare con la realtà virtuale.

La tecnologia in questione è un pezzo di hardware prototipo senza nome che può o non può mai arrivare al dettaglio, ma dovrebbe, letteralmente, offrire un nuovo modo di guardare i giochi. Utilizzando una fotocamera appositamente progettata, uno dei team di ricerca e sviluppo di Sony (il gruppo noto come Magic Labs) ha messo a punto un modo per controllare la fotocamera in un gioco con gli occhi. Non è qualcosa che cambia la natura del gioco nello stesso modo della realtà virtuale, ma è uno dei pezzi più interessanti della tecnologia di gioco in mostra a GDC.

La tecnologia di tracciamento degli occhi è ancora lontana dall'essere rilasciata - e non c'è alcuna garanzia che lo sarà mai - ma il potenziale è incredibile. Il rilevamento degli occhi sta diventando una caratteristica comune degli smartphone, ma la dimensione del dispositivo Sony eclissa tutto ciò che uno smartphone offre attualmente. Nella demo in mostra, gli strumenti di tracciamento degli occhi di Sony (che, ancora una volta, non hanno un nome tecnico al momento) sono stati utilizzati in concomitanza con il gioco per PlayStation 4 Infamous: Second Son .

Per aiutare le esplosioni di energia a raggiungere i loro obiettivi, devi semplicemente guardare ciò che vuoi colpire.

Tutto inizia con una rapida calibrazione che è semplice come guardare un punto nell'angolo in alto a sinistra e un altro sul lato opposto in diagonale. La videocamera inizia quindi a inviare i dati a un laptop nelle vicinanze, che a sua volta prende il posto della videocamera del gioco.

Ci vogliono alcuni momenti per orientarsi verso il nuovo metodo di vedere. In un gioco in terza persona, è naturale che i tuoi occhi si concentrino sul tuo personaggio che si trova sotto il centro dello schermo. Con il software di tracciamento degli occhi, guardando il tuo personaggio, quindi, la fotocamera si sposta verso il basso. Una volta che compensi, però, gli effetti sono sorprendenti.

Oltre alla possibilità di guardarsi intorno con gli occhi nello stesso modo in cui normalmente si sposta la fotocamera con la levetta destra, il tracciamento può anche essere molto più preciso. In Infamous, toccando rapidamente il pulsante R2 si invia un flusso di esplosioni di energia agli avversari simile a quello di una mitragliatrice, ma con proiettili più lenti. Per aiutare le esplosioni di energia a raggiungere i loro obiettivi, devi semplicemente guardare ciò che vuoi colpire. Se sei di fronte a due nemici, uno su ciascun lato di te, guarda solo una direzione e poi l'altra e le esplosioni di energia troveranno il loro segno. Registra i tuoi movimenti con la stessa velocità con cui i tuoi occhi si muovono, creando una fotocamera reattiva che potrebbe alterare il modo in cui visualizziamo visivamente i giochi per sempre.

Mentre la demo si concentra su quello che, a tutti gli effetti, è uno sparatutto in terza persona (almeno nella demo, che mostrava una sezione iniziale del gioco in cui le esplosioni di energia erano tra le tue armi più efficaci), le possibilità con l'occhio di Sony la tecnologia di tracciamento è infinita. Immagina di giocare a una partita di calcio e, invece di provare a passare goffamente a un giocatore in esecuzione in un modello insolito, devi solo guardarli e premere il pulsante Pass. Nel calcio, mentre controlli il quarterback, puoi semplicemente guardare i tuoi destinatari e passare il passaggio a quello che vuoi. In sparatutto in prima persona, potresti teoricamente mirare più velocemente di quanto il tuo pollice possa muoversi.

Ci sono anche possibili usi per la tecnologia con le cuffie da realtà virtuale Project Morpheus. È ancora solo teorico in questo momento (per quanto ne sappiamo), ma immaginiamo che potresti essere in grado di un giorno indossare l'auricolare VR e guardare intorno al mondo virtuale muovendo la testa, ma anche guardarti intorno come faresti naturalmente, con i tuoi occhi

Gli effetti potrebbero andare oltre il gioco. Immagina di guardare una trasmissione televisiva 3D di una partita di basket usando un auricolare per la realtà virtuale. Potresti guardare intorno a un campo visivo limitato, ma quando l'azione è avvenuta, i tuoi occhi avrebbero comandato il video su cui concentrarsi. Se un colpo è bloccato e inizia una pausa veloce, è più naturale seguirla con gli occhi piuttosto che scuotere la testa per vedere la palla che scende in campo.

Ci sono alcuni inconvenienti, tuttavia. Per uno, richiede una nuova fotocamera separata dalla fotocamera della PlayStation 4. Detto questo, il dispositivo in mostra era un puro prototipo e potrebbe sempre esserci la possibilità di trovare un modo per incorporare telecamere esistenti per utilizzare la tecnologia tramite gli aggiornamenti software. Ma se fosse rilasciato domani, avresti bisogno di comprare una nuova periferica.

Un altro, più significativo, svantaggio sono i problemi del software con il rilevamento degli occhi dietro gli occhiali. È incostante se riconosce o meno il movimento degli occhi dietro le lenti e le persone che indossano gli occhiali si imbattono in problemi. Questo potrebbe essere risolto. Ma anche se sei libero dagli occhiali, dovrai sederti vicino alla videocamera. Per monitorare il movimento degli occhi, una telecamera deve essere abbastanza vicina da poter seguire i movimenti, creando potenzialmente un problema scomodo con il posizionamento. L'alternativa sarebbe una fotocamera ad alta risoluzione in grado di ingrandire abbastanza da distinguere gli occhi da una distanza. Questo è certamente possibile, ma probabilmente costerebbe più di quanto varrebbe la pena. Tuttavia, questi sono tutti problemi risolvibili.

La tecnologia di tracciamento degli occhi di Sony è stata mostrata per la prima volta nel novembre 2013 mentre il mondo si preparava per l'arrivo di PlayStation 4. È stato evidenziato come parte dei look di Magic Labs, la società responsabile anche di dispositivi come Move, the Eye Toy Camera, e più recentemente il DualShock 4. All'epoca, il tracciamento degli occhi era poco più di un espediente - una trovata geniale - ma rispetto al rilascio del nuovo sistema, un prototipo teorico non era un obiettivo principale. Ora che la PlayStation 4 è sul mercato, tuttavia, i confini del gioco sono pronti per essere spinti da dispositivi come questo, Project Morpheus, e altri che non abbiamo ancora considerato (ma probabilmente lavoreranno nei laboratori di tutto il mondo ).

Con il progetto Morpheus che getta una lunga ombra, il rilevamento degli occhi è ancora solo un fenomeno secondario, soprattutto perché al momento non ci sono piani per farlo. Dagli tempo, però. Questo potrebbe essere solo parte del futuro dei giochi.